DEsequie

20 Febbraio 2021 by Articoli di partito 151 Views
Rate this item
(0 votes)

«La situazione è tragica ma non seria.» (ENNIO FLAIANO)

Leggo qualcosa a proposito di una Deliberazione adottata dalla Giunta Regionale, perplesso penso ad una delle tante notizie spazzatura tipiche dei social…


E invece no! È tutto vero.
E così, come un piccolo “dittatorello” di provincia, proprio come la Lumachella di Trilussa, il Presidente della Regione Solinas guarda la sua bava lungo l’obelisco, (in questo caso cippo funerario) dicendo: «Già capisco che lascerò un'impronta ne la Storia».
"Istituzionalizzando" così, con questo spirito, i funerali di stato e sentendosi finalmente libero dall’italica oppressione.
Assisteremo così a solenni sedute del Parlamento dei Sardi, trasformato in perenne camera ardente.
Solenni sedute con commemorazione tenuta dal Presidente della Regione.
E le occasioni non mancheranno, va detto, visto che l’eccezionale trovata, sancita dalla Deliberazione n°5/15 prevede che le esequie solenni siano disposte, oltre che per il Presidente e i componenti della Giunta regionale in carica anche per gli ex Presidenti, gli ex componenti della Giunta regionale e i Direttori generali delle amministrazioni del sistema Regione in carica…
Praticamente quasi ogni mese a Villa Devoto, sede istituzionale della presidenza del Parlamento dei Sardi, allestita per le grandi occasioni si canteranno le gesta di presidenti, assessori e funzionari.
Il nostro Parlamento diventerà il “Commemoramento".
La situazione è tragica ma non seria, diceva Flaiano.
Sì perché la fantastica Giunta Regionale, in ben nove articoli, disciplina minuziosamente le esequie solenni, con «gonfalone listato a lutto» e scorta degli «addetti al cerimoniale in divisa di rappresentanza, e bandiere» tutte (e spese rimborsate dalla Regione alle famiglie dei defunti).
E obbligo di partecipazione per vicepresidente e assessori.
Con orazione funebre tenuta dal Presidente della Regione.
Non c'è limite al ridicolo. Un Presidente/Commemoratore seriale che, con questa trovata geniale, farà dimenticare le tombe dei giganti raccontando le epiche gesta della classe politica sarda.
Dietro ogni decesso c'è dolore e sofferenza, particolarmente in un periodo come questo.
Oggi si muore tristemente soli e il dedicare tanta attenzione a onoranze funebri solenni certifica l’enorme divario esistente tra questa Giunta e le reali esigenze del popolo sardo di cui questa stessa Giunta si dovrebbe occupare e preoccupare.
PESSIMI.