Non siamo eroi

29 Marzo 2020 by Articoli di partito 307 Views
Rate this item
(0 votes)

Ho fatto una chiacchierata poco fa con un medico in trincea che combatte contro questa terribile epidemia. "Se c'è una cosa che mi dà fastidio al di là della emergenza sanitaria e dei turni massacranti cui siamo sottoposti come operatori sanitari, essere chiamati eroi lo ritengo al di là delle buone intenzioni di tanti ,inutile, fuorviante, quindi dannoso.

Gli eroi sono altri ,sono le persone, che pur con mille difficoltà sono chiusi in casa , magari hanno perso il lavoro,e davvero non sanno come fare per sopravvivere. Questa è l'altra faccia, della crisi sanitaria, e non è meno feroce. Sono loro gli eroi del quotidiano. No, non siamo eroi conosciamo i rischi del nostro mestiere.

Vogliamo farlo in sicurezza per noi e per i nostri pazienti, ne più ne meno. Gli eroi sono i malati rinchiusi negli ospedali,senza alcun contatto con i propri cari,impauriti per quanto sentito della malattia. Noi operatori sanitari dobbiamo inchinarvi a queste persone,dare una parola di conforto e alzare invece la voce contro chi ci gestisce ed organizza il lavoro. La sanità non può essere gestita con logiche di mercato,costi e ricavi.

Basta! la sanità deve essere totalmente pubblica per tutelare la salute come bene universale. Ricordiamolo quando tutto sarà finito. No, non siamo eroi" Giù il cappello é Stefano un medico in prima linea.

29/03/2020

PARTITO ROSSOMORI